RELAZIONE DI GENNAIO E FEBBRAIO 2015
RELAZIONE EDUCATIVA DEI MESI DI GENNAIO E FEBBRAIO 2015 Ciao a tutti voi, Qui in Nicaragua continua il tempo un poco brutto con venti e pioggie sporadiche, però c’e’ un caldo quasi asfissiante. Per i nostri bambini sono iniziate le scuole e tutti sono stati iscrit
Sabato 07 Marzo 2015

RELAZIONE DI GENNAIO E FEBBRAIO 2015

RELAZIONE EDUCATIVA DEI MESI DI GENNAIO E FEBBRAIO 2015

Ciao a tutti voi,

Qui in Nicaragua continua il tempo un poco brutto con venti e pioggie sporadiche, però c’e’ un caldo quasi asfissiante.

Per i nostri bambini sono  iniziate le scuole e tutti sono stati iscritti nelle primarie e scuole superiori. E’ ancora troppo presto per potervi dare dei risultati ma col tempo ve li daremo.

Sono finalmente iniziati a Granada i Laboratori di Saldatura/Falegnameria/ Elettricità residenziale che ci sono costati non poca fatica, volendo amalgamare bene i pandilleros, ragazzi di strada, e i ragazzi che non hanno mai appreso a leggere e a scrivere. Questi ultimi sono tutti provenienti da luoghi di montagna isolati e senza scuola. Eppoi ci sono anche i rappresentanti dei quinchos di Granada, ossia i ragazzi che già stavano con noi.

Rafael, il bambino che stava sotto ferreo controllo di MIFAMILIA (Ente regolatore dello Stato di NIcaragua) è passato per  15 giorni essendo preso e adottato da una  signora cubana che però vive in Spagna. Un giorno è venuta da noi accompagnata da una Tecnica di Mifamilia e si è portata via Rafael, senza nemmeno dirci niente, era una persona straccarica di soldi. La fortuna ha voluto che con Rafael e la sua cuginetta rimanessero per quindici giorni segregati in un albergo di Managua, e la signora si è fatta conoscere bene tanto che Rafael un giorno le avrebbe detto: “Ahora basta!hoy mismo nos vamos de aquí”. Così la storia di questi due bambini e’ finita bene, sono stati riaccompagnati dalla signora a Mifamilia, che ha dovuto fare un mea culpa e ci ha mandato indietro Rafael.

Come già sapete di Raul, il ragazzino malato di cancro osseo secondo i medici nicaraguensi dell’Ospedale “La Mascota”di Managua,  unico centro per bambini, che cominciavano  ad usare anche la morfina. In Italia ne ho parlato con  vari dottori e amici terapeuti che mi hanno quasi assicurato vedendo Raul in fotografia e usando delle canalizzazioni che il suo malessere dipendeva dallo stato nel quale era vissuto nella sua casa(madre alcolizzata, abbandono a se stesso,tutta la familia separata etc. etc.). Si era quindi lasciato andare. Ora lo sta curando il dottor Martinez (quello che sistema tutte le ossa!) e gli sta applicando una terapia sul suo stato emozionale. Per il momento Raul sta benissimo e anche questa sera è andato per conto suo dal dottore.

Sono arrivati i giovani circensi anche quest’anno e staranno un mese con noi facendo la felicita dei quinchos. Poi sono arrivate due donne dalla Sardegna che hanno tenuto un corso di bambole e bambolotti di tela e i più bravi sono risultati i bambini, che hanno superato di gran lunga le bambine. Hanno rifatto Superman, Neymar, Ronaldiño, i loro idoli dei film e sportivi.

Continuano a fare il pane  e le amache per ora solamente con Axel, mentre nel Filtro a Managua si fanno le amache con Elliott. I nostri educatori nuovi sono Miguel , Miledy ed Elvin, i tre nuovi acquisti dei quinchos per i quinchos per il 2015.

Vi salutiamo tutti

Zelinda e los Quinchos