I bambini di strada

I bambini di strada

Fuggiti da famiglie disgregate dalla miseria e violenza, maltrattati, violentati, i bambini di strada, provenienti anche dalle località più lontane del Paese, sopravvivono giungendo fino ai mercati delle città, soprattutto della capitale, Managua, mendicando, rubando, assaltando, svolgendo lavori inadatti alla loro età. Sottoposti a violenze e spesso a torture, riuniti in piccole bande aggressive e contrapposte, trascorrono la notte sotto i banchi dei mercati o su cartoni nel suolo, inalano vapori di colla e altre micidiali droghe e usano anche coltelli o armi per difendersi ed assalire. In Nicaragua, Paese tra i più poveri del Centroamerica, con gli indici più alti di natalità e mortalità, più della metà dei circa 5 milioni di abitanti è costituita da minori di 18 anni. Sono centinaia di migliaia i bambini di strada. Il loro numero è in continuo incremento, significativo e triste indicatore della condizione del Paese.

Ci siamo fermati a guardare le stelle ( Scarica il file pdf)

Avevo visto los niños de la calle in Messico, Guatemala, paesi dove il problema c’era già da anni. In Nicaragua invece praticamente non esisteva. Il governo sandinista garantiva l’educazione, la sanità e la canasta basica, cioè il minimo alimentare. I pochi bambini che si vedevano nelle strade erano quasi tutti orfani di guerra. Quindi non sono stata colpita dai bambini ma da quei tre bambini. Erano molto piccoli e dormivano in un cerchione di camion...continua